Eugenio Coseriu (1921-2002)


Il linguista Eugenio Coseriu nacque nel 1921 a Mihaileni in Romania (oggi Repubblica Moldava). Dopo studi universitari in Romania e Italia viene nominato, nel 1951, Professore Ordinario alla cattedra di linguistica generale dell'Università di Montevideo (Uruguay). Durante gli anni '50 concepì i principi fondamentali della sua teoria linguistica, all'inizio incentrata sullo sviluppo e l'ampliamento dell' approccio strutturale alla linguistica. Gli scritti principali di questo periodo rispecchiano la sua percezione critica - in particolare delle tesi di Ferdinand de Saussure - e completano, ovvero modificano, certe concezioni strutturalistiche, richiamandosi fra l'altro alle teorie di Wilhelm von Humboldt, Hegel ed Aristotele. Alcune opere degli anni '50 approdano a campi di studio che vanno oltre l'osservazione linguistica dello strutturalismo: con Determinación y entorno (1955-56) si affaccia per la prima volta nella ricerca glottologica la concezione di una linguistica del testo. Nel 1961 Coseriu si trasferì in Germania, a Bonn e poi, dal 1963, fu ordinario di filologia romanza all'Università di Tubinga. Negli anni '70 la scuola di Tubinga di Coseriu fu una delle più riconosciute nella Romanistica ed ebbe grande influenza anche al di là della filologia romanza, in particolare, ma non solo, nel campo della linguistica generale e della filosofia del linguaggio così come in altre discipline filologiche.



Coseriu a Tubinga durante il ricevimento per il suo ottantesimo compleanno, mentre gli viene consegnata dal Console Generale di Spagna Diego María Sánchez Bustamante la Gran Cruz de Alfonso X el Sabio, il più alto riconoscimento culturale spagnolo.